Crea sito

PSICOLOGIA CLINICA ADULTI

approccio cognitivo comportamentale

PAGINA IN COSTRUZIONE

PSICOLOGIA CLINICA ADULTI   -  AREE DI INTERVENTO:
 Disturbi d’Ansia, Attacchi di panico, Paure e Fobie, Cefalee tensive, Stress e Adattamento, Instabilità emotiva, Comportamenti depressivi, Disturbo ossessivo–compulsivo, Disturbo post-traumatico da stress, Disturbi di Personalità, Disturbi dell’umore, Dinamiche esistenziali, Training abilità sociali…

 

LA RAGIONE SENZA LE EMOZIONI E' NULLA

L'ESSENZA DELLA TERAPIA COGNITIVA

"Una premessa di base della psicoterapia cognitiva attribuisce il ruolo di principale meccanismo di genesi e mantenimento dei disturbi psicologici a errori cognitivi del pensiero e a credenze disfunzionali. Negli ultimi vent’anni le ricerche sui processi di mantenimento dei disturbi psicologici hanno spostato l’attenzione da cosa una persona pensa a come una persona pensa. I più recenti modelli cognitivi esplorano la relazione tra stili di pensiero e la perseveranza di stati emotivi negativi come ansia e depressione. Rimuginio e ruminazione mentale rappresentano due stili di pensiero che la letteratura scientifica internazionale considera il cuore dei disturbi ansiosi e depressivi rispettivamente.

Le nuove forme di psicoterapia cognitiva e cognitivo-comportamentale di terza generazione prevedono l’integrazione di molte strategie tese a (1) aumentare la consapevolezza dei propri stili di pensiero e delle loro conseguenze, (2) ridurre i livelli di pensiero perseverante (rimuginio e ruminazione), (3) acquisire maggior flessibilità cognitiva nella gestione del proprio pensiero, (4) modificare metacognizioni che possono ostacolare un efficace regolazione cognitiva..."

dal sito State of Mind / considerazioni pubblicate da Daniela Gusella (2 set 2013) per TERAPIA COGNITIVA FOCALIZZATA SU RUMINAZIONE E RIMUGINIO.

a proposito delle dinamiche fobiche....

LA COMPLESSA EMOZIONE DI PAURA O DI PANICO CHE CARATTERIZZA LA " FOBIA " include sempre ed in maniera sostanziale, come elemento integrante, un desiderio di " FUGA " (anche evitamento)...

Se si riesce a bloccare il desiderio di fuga - evitamento, permettendo alla paura di insorgere e di intensificare al massimo fino al parossismo ed al panico, si spezza il CIRCOLO VIZIOSO: paura------desiderio di fuga-----maggior desiderio di fuga, etc. e LA PAURA ESPLODE o per lo meno, non essendo più rinforzata dall'effetto di sollievo prodotto dalla fuga - evitamento, TENDE AD ESTINGUERSI...

.....SE UN INDIVIDUO  è esposto ripetutamente a stimoli che è stato condizionato a temere e se tale esposizione avviene nelle condizioni nelle quali il soggetto è costretto a subirla, allora il comportamento di paura elicitato dagli stimoli condizionati tende ad estinguersi; la rapidità dell'estinzione è funzione dell'elevato stato di eccitazione...

Criteri di scelta degli AD - ASPETTI CLINICI

In prima istanza, nell'ambito degli aspetti clinici, è necessario considerare la differenza di diagnosi categoriale verso quella dimensionale, quali siano i cluster sintomatologici prevalenti, quale sia il livello di  gravità della patologia e con quale comorbilità ci si debba confrontare....(Metis).

NOTA: i gruppi ALFA - BETA - GAMMA sono sempre attivi - per maggiori informazioni telefonare al 3396265107

ATTENZIONE...!!!
La percezione superficiale dell’informazione, coltivata nella società contemporanea, non lascia assolutamente posto per la valutazione personale degli avvenimenti trasformando quindi l’uomo in un robot al servizio del sistema. L'istruzione, il sistema dei valori imposti dalla società, dal televisore, dai genitori, sono diretti a far sì che l'uomo pensi il meno possibile.....

....Sin dalla nascita i bambini mirano ad esplorare il mondo. Sono ragionevoli, attivi e ricettivi in quanto le tre funzioni principali, ossia la ragione, il corpo e le emozioni, agiscono di concerto. Proprio l’armonia di questi tre principi garantisce uno sviluppo corretto basato sulla curiosità e sull’interesse, afferma la psicologa Anfisa Kalistratova, la quale spiega come l’uomo perde se stesso quando si separa intellettualmente dal proprio corpo:

La maggioranza degli uomini non sente il proprio corpo e le proprie emozioni. Non li analizza e non ne è conscia. Proprio questo ci trasforma in robot.

(Ksenia Fokina - http:/italian.ruvr.ru/2014 - pianeta blu news)